Quattro ottimi motivi per una vacanza a maggio all’isola del Giglio

isola del Giglio a maggioIl profumo della primavera che si fonde con quello del mare. La natura che sboccia e regala colori brillanti. Antiche località dalle quali è possibile ammirare le tonalità azzurre e turchesi del mare. Tutto questo è l’isola del Giglio a maggio. E per concedersi un viaggio in questo periodo ci sono almeno quattro ottime ragioni.

Escursioni – Le temperature sono piacevoli ma non fa ancora il caldo dell’estate, inoltre è difficile trovare cattivo tempo: la primavera è il periodo ideale per delle lunghe escursioni all’aria aperta. E all’isola del Giglio non ne mancano di certo, tutte in bilico tra il mare e le colline. A titolo di esempio si possono citare Capel Rosso, Giannutri (da fare in barca) e il faro degli innamorati.

Spiagge – Senza nemmeno essere troppo fortunati, all’isola del Giglio nel mese di maggio potreste strappare il primissimo bagno della stagione. Le spiagge più famose sono cinque: Arenella, Campese, Caldane, Cannelle, degli Alberi. La costa è tutta un susseguirsi di piccole e suggestive calette, ognuna da scoprire.

Immersioni – Gli appassionati di questo sport acquatico avranno tanti punti a loro disposizione per immergersi nel mare dell’isola del Giglio. Punti come secca dei Pignocchi, secca della Croce, punta del Capel Rosso, scoglio del Corvo. Alcuni sono adatti per una immersione con solo maschera e boccaglio.

Località – Quarto motivo per concedersi una vacanza a maggio all’isola del Giglio. Le località dell’isola sono tre: Giglio Porto, paese dalla doppia anima, commerciale e tradizionale; Giglio Campese, che si apre davanti all’omonima quanto splendida baia; Giglio Castello, dominato dalla mole imponente della Rocca aldobrandesca.

Durante il mese di maggio l’isola del Giglio dà il meglio di sé. Uno spettacolo da non lasciarsi scappare, prenotando in tempo il proprio viaggio in traghetto.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/ghirolfo53

Articoli correlati