Bouldering: l’emozione di arrampicarsi sulle rocce del Giglio

isola del Giglio boulderingImmersioni, escursioni e snorkeling sono alcune delle principali attività sportive che è possibile praticare sull’isola del Giglio. E ce n’è anche un’altra che ogni anno non manca di attirare appassionati e beginner da ogni angolo della Penisola: si tratta del bouldering.

Per chi non lo sapesse, il bouldering è l’arrampicata a mani nude sulle rocce, una disciplina nata negli anni Settanta che ha riscosso subito successo. Chi invece pratica questa disciplina già da un po’ sa che il Giglio è un luogo ideale, tanto per gli esperti quanto per i beginner che hanno deciso di provarci.

L’isola del Giglio offre tantissime opportunità per il bouldering. Però la zona migliore, probabilmente, è sulla collina che porta fino al faro del Fenaio, nella parte settentrionale dell’isola. Per arrivarci si prende una stradina sterrata che parte da una curva a gomito poco prima di arrivare a Giglio Castello e che porta fino a punta del Fenaio.

In questa zona dell’isola del Giglio si trova un posto ideale per il bouldering: le rocce sono abbastanza grandi e fatte di granito a grana medio grossa, con sfumature che variano dal rosso al grigio. Inoltre le rocce di questa zona sono tutte in ottimo stato.

Tre raccomandazioni prima di cominciare la vostra arrampicata sulle rocce di punta del Fenaio:

  • valutate sempre con attenzione il vostro stato fisico;
  • seguite sempre le normali regolare dettate dalla prudenza;
  • se siete dei beginner, fatevi accompagnare da una persona con più esperienza o da un istruttore.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/paolaki

Articoli correlati