Fontana dell’Acqua selvaggia: un’idea per una piacevole escursione

fontana dell’Acqua selvaggia

La storia dell’isola del Giglio è legata all’acqua e non soltanto per il mare. Si tratta di un’isola, dove quindi l’acqua potabile, nei tempi passati, non era scontata come lo potrebbe essere oggi. Per questo ci sono alcuni posti che hanno un valore speciale per tutti gli isolani. Uno di questi luoghi è proprio la sorgente detta dell’Acqua selvaggia.

Gli impianti di desalinizzazione e le navi cisterna forniscono all’isola l’acqua corrente di cui c’è bisogno per gli usi più disparati. Tale acqua non è potabile, è bene ricordarsene. C’è un’alternativa all’acqua in bottiglia: si tratta della fontana di Giglio Castello, che prende l’acqua proprio dalla sorgente dell’Acqua selvaggia.

Raggiungerla è semplice. La fontana si trova poco prima di arrivare alla piazzetta centrale della località di Giglio Castello. Proprio lì, sulla destra, si trovano le indicazioni per il parcheggio, dove sono anche ubicati i vecchi lavatoi della località. Qui potete trovare la fontana che zampilla.

Perché raggiungere la fontana dell’Acqua selvaggia a Giglio Castello? Per due motivi. Innanzitutto, è un modo per immergersi nelle tradizioni e nelle usanze passate di un’isola del Giglio che ormai non c’è più. E poi, se non alloggiate già a Giglio Castello, potrebbe essere l’occasione per concedersi una piacevole escursione (preferibilmente con partenza da Giglio Porto).

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/ciocci

Articoli correlati