Weekend di primavera all’isola del Giglio: ecco cosa vedere

Aria di primavera, voglia di vacanza. Con la bella stagione, il vento gradevole e la possibilità di trascorrere momenti di relax all’aria aperta, visitare un’isola in mezzo al mar Mediterraneo è un’occasione per riempirsi gli occhi di bellezza e meraviglia. L’isola del Giglio è la meta ideale per un weekend all’insegna del relax, con il suo mare limpido, le spiagge mozzafiato e la natura rigogliosa che crea sentieri e paesaggi suggestivi. In questo articolo suggeriremo alcune tra le attrazioni più belle da visitare in un weekend in primavera all’isola del Giglio: tante opportunità per godersi due giorni a contatto con l’essenza di un’isola meravigliosa, ricca di storie, tradizioni e bellezza. Utilizza il nostro comparatore di traghetti online per scegliere il traghetto che ti condurrà verso le meraviglie dell’isola del Giglio: inserisci i dati di viaggio e confronta le partenze, i prezzi più convenienti e le offerte attive.

Weekend di primavera all’isola del Giglio, ecco cosa vedere:

 

Giglio Porto e Giglio Castello

Una volta preso un traghetto verso l’isola del Giglio approderai a Giglio Porto, unica località portuale dell’isola: piccola e pittoresca, presenta case coloratissime ed è immersa in un’atmosfera allegra, specie con i primi caldi che precedono l’estate. Oltre che godersi le vie della città in tutta tranquillità, consigliamo di raggiungere e ammirare le storiche fortificazioni del borgo: la Torre del Saraceno e la Torre del Lazzaretto. Giglio Porto conserva anche i resti suggestivi di un’antica Villa Romana, eretta dalla famiglia Domizi-Enobarbi nel I secolo d.C.

Proseguendo nell’entroterra, a 450 metri sopra il livello del mare, si trova lo splendido borgo di Giglio castello, una cittadina in cui si respira ancora un’atmosfera medievale: vie e piazze lastricate in pietra, cinte da mura gloriose, conservano ancora l’architettura di quel periodo, e conducono verso il cuore pulsante del borgo. Giglio Castello custodisce l’imponente Roccaforte Pisana, o Aldobrandesca, un Castello che vale la pena visitare per perdersi nel suo fascino storico. Dal borgo si può ammirare un panorama davvero unico che fonde il mate re con le colline. Da visitare anche il Chiesa San Pietro Apostolo, che custodisce alcune misteriose reliquie.
Perdersi tra i vicoli di Giglio castello è un’esperienza unica, e lo è ancor di più fermarsi nelle tipiche cantine dove viene prodotto e conservato il vino dell’isola, L’Ansonaco.

Trekking nella natura a Punta di Capel Rosso

Dalle colline di Giglio Castello è possibile percorrere un sentiero di circa 6 km (circa 2 ore e mezza di cammino) verso Punta di Capel Rosso, uno dei punti più isolati ma suggestivi dell’isola nell’estremità a sud. Il percorso è immerso da una rigogliosa macchia mediterranea, dai profumi della natura, del vento e del mare, e circondato dai colori caldi della primavera. Punta di Capel Rosso è un posto veramente speciale, perché ospita un Faro che si affaccia direttamente sul mare e da cui è possibile ammirare un panorama emozionante su tutto il Mediterraneo. Inoltre, il promontorio è collegato ad una piccola spiaggetta da una serie di scale. Per questo, dopo aver camminato attraverso la natura incontaminata, ti consigliamo di premiati facendo un bagno nelle acque splendide del Giglio.

Le spiagge dell’isola del Giglio

Non si può andare all’isola del Giglio e rinunciare alla possibilità di visitare  le sue belle spiagge. Ti aspettano tantissime lembi di sabbia, calette, e insenature raggiungibili a piedi o solo via mare, disseminate su ben 28 km di costa sabbiosa o calcarea.
Tra le più belle, menzioniamo la spiaggia del Campese, la più grande dell’isola che offre una vista meravigliosa sulla baia, dominata dalla Torre del Campese. Qui, si può godere di tramonti veramente spettacolari. Da spiaggia del Campese è possibile raggiungere due calette più piccole e riservate: caletta del Petruso e cala del Gesso, raggiungibili anche a piedi. Sulla costa orientale dell’isola troviamo la spiaggia delle Cannelle, grande e fatta di finissima sabbia bianca.
Partendo da Giglio Porto è possibile raggiungere comodamente Cala Cupa e Cala Lazzaretto e, a sud, la magnifica Cala delle Cannelle, un’oasi naturalistica incastonata tra le colline.
Photo credits
Foto di aagotaa da Flickr

Articoli correlati

16 Maggio 2024

Posti da Visitare

Alla scoperta del Mosaico del Labirinto nella Villa Romana di Giannutri

17 Maggio 2023

Posti da Visitare

I borghi più belli dell’isola del Giglio

26 Aprile 2023

Posti da Visitare

I relitti nei fondali di Giannutri: Nasim II e Anna Bianca

Prenota il traghetto per l'Isola del Giglio al miglior prezzo con TraghettiPer

Metodi di pagamento
Certificazioni