I relitti nei fondali di Giannutri: Nasim II e Anna Bianca

I relitti di Giannutri sono mete obbligate per gli appassionati di diving. Ben due navi mercantili colate a picco nei pressi di Punta Pennello riposano nel fondale sabbioso di Giannutri, circondate dalle posidonie e dalla fauna marina: cernie, aragoste e gronghi nuotano beatamente tra le lamiere. Due occasioni d’oro per fare qualche suggestivo scatto e curiosare, con la dovuta cautela, tra i resti delle due imbarcazioni. Una richiede un bel bagaglio d’esperienza, l’altra può essere affrontata con la dovuta assistenza anche dai meno esperti.

I relitti nei fondali di Giannutri, Nasim II e Anna Bianca:

 

Il relitto Nasim II

Il Nasim II era una nave mercantile originaria di Panama, costruita negli anni ’50 e lunga circa 70 metri. Nel 1976 di schiantò contro gli scogli di Punta Pennello, di fronte al piccolo porto di Cala Maestra e colò a picco nel mare portandosi dietro le automobili che stava trasportando. Quelle stesse automobili si trovano ancora oggi adagiate al fondale marino a circa 60 metri, assieme al relitto della nave.

Immergersi alla ricerca del Nasim II è un’attività particolarmente impegnativa, riservata ai subacquei tecnici. Lì possono ammirare le eliche e la plancia di comando, fra cernie e aragoste che hanno preso “dimora” in questo affascinante relitto.
Una buona alternativa (per quanto comunque non consigliata ai neofiti) è rappresentata dall’itinerario lungo le numerose automobili, fra Fiat e Peugeot, sparpagliate sul il fondale sabbioso. Si può seguire la parete di posidonie e scendere lungo i diversi livelli della scarpata, trovando il cosiddetto “parcheggio”: i resti di una serie di veicoli incagliati disposti in fila.

 

Il relitto dell’Anna Bianca

L’Anna Bianca era una nave da carico costruita negli anni’20, lunga 46 metri e di nazionalità italiana. Nel 1971, durante una forte tempesta inaspettata, la nave perse il controllo e si schiantò anch’essa sugli scogli di Punta Pennello, affondando per una cinquantina di metri. Giace sul fondale a 100 metri dalla costa di Giannutri, sul versante nord di Cala Ischiaiola.

Questa immersione è decisamente meno impegnativa. Anche solo immergendosi in apnea dalla superficie si possono distinguere i contorni della nave: il fondale sabbioso e chiaro, assieme alla luce del Sole, rendono il relitto molto visibile già dai 35 metri. Proprio a quella profondità si trova la poppa della nave, adagiata sulla fiancata.

Procedendo lungo il relitto si nota che è stato spezzato in due tronconi. La parte di prua si trova a 50-52 metri di profondità, fra le lamiere accumulate dopo l’impatto violento contro gli scogli. Penetrare all’interno della sala macchine ad oggi è sconsigliato per via dell’intreccio di cavi che rende difficoltoso il passaggio. Quel che si può notare, tuttavia, è che all’interno del rudere hanno preso dimora gronghi e murene.

 

Se volete esplorare i relitti di Giannutri utilizzare il nostro comparatore online di traghetti per prenotare un viaggio all’isola del Giglio. Arrivate al porto di Giannutri e organizzate il vostro itinerario subacqueo nello splendido mare dell’isola.

 

 

Photo Credits
Foto di Guido and Carrara family da Flickr

Articoli correlati

16 Maggio 2024

Posti da Visitare

Alla scoperta del Mosaico del Labirinto nella Villa Romana di Giannutri

4 Marzo 2024

Posti da Visitare

Weekend di primavera all’isola del Giglio: ecco cosa vedere

17 Maggio 2023

Posti da Visitare

I borghi più belli dell’isola del Giglio

Prenota il traghetto per l'Isola del Giglio al miglior prezzo con TraghettiPer

Metodi di pagamento
Certificazioni