Verso l’isola del Giglio: tutto quello che c’è da sapere sulla tassa di sbarco

tassa di sbarco isola del Giglio

Per arrivare sull’isola del Giglio, c’è una tassa di sbarco (anche detta contributo di sbarco) da pagare. Qui di seguito trovate tutte le informazioni da sapere in merito.

 

A quanto ammonta e come si paga

La tassa di sbarco per arrivare sull’isola del Giglio o sull’isola di Giannutri ammonta a 1,5 euro per ogni persona. Questa tassa di sbarco si applica a tutte le compagnie di navigazione che coprono la tratta da Porto Santo Stefano verso una delle due isole che abbiamo citato.

La tassa è già inclusa nel prezzo d’acquisto del biglietto su uno dei traghetti per l’isola del Giglio.

 

A chi spetta e come sarà usata

La tassa di sbarco deve essere pagata da tutti i passeggeri di tutti i vettori, non solo quelli di linea, che assicurano il collegamento tra Porto Santo Stefano e l’isola del Giglio o l’isola di Giannutri.

Il gettito derivante sarà quindi destinato, in proporzione agli sbarchi effettuati, per attuare interventi nelle singole isole: raccolta e smaltimento dei rifiuti, valorizzazione ambientale, manutenzione, promozione culturale, eventi.

 

Esenzioni

Ci sono delle categorie esenti dalla tassa di sbarco:

  • Residenti;
  • Studenti e lavoratori pendolari;
  • Componenti del nucleo familiare dei soggetti che abbiano pagato l’IMU nel comune;
  • Il personale delle compagnie di navigazione che lavora sulle navi in servizio sulla tratta;
  • Il personale adibito ai servizi di soccorso medico e sanitaro sull’isola;
  • Il personale adibito al trasporto funebre, di polizia e antincendio.

Nel caso si appartenga a una delle categorie esenti, potrà essere fatta domanda di esenzione in duplice copia da inviarci compilata e controfirmata.

 

Limitazione per portare un veicolo sull’isola

Durante agosto, chiunque non residente voglia portare l’auto o altro mezzo a motore può farlo unicamente effettuando un versamento di 15 euro al Comune di Isola del Giglio tramite bollettino postale o bonifico bancario:

  • Conto corrente postale: n. 106583
  • Conto corrente Bancario – Banca MPS – IBAN: IT40Z0103072260000000026249

Nella causale, dovranno essere specificati numero di targa e nome del proprietario. La copia del versamento dovrà essere esibita in caso di richiesta da parte dei pubblici ufficiali.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/33785645@N00

Articoli correlati