Isola del Giglio: 3 cose da fare per trascorrere la Pasqua 2016

Pasqua 2016 all'isola del Giglio

È bella da visitare durante tutto l’anno, dall’estate alla primavera. Ma, nel vostro caso, vi state chiedendo: perché concedersi un viaggio all’isola del Giglio in occasione della Pasqua 2016?

Di motivazioni ce ne sarebbero tante. Noi vi forniamo le migliori tre.

 

1. Devozione

Il giorno di Pasqua è il momento culminante della Settimana Santa. Un momento durante il quale la devozione degli abitanti del Giglio tocca il suo apice. Ed è scandito, come una sorta di rituale, da eventi codificati da un’antica tradizione:

  • Giovedì Santo: messa in Coena Domini
  • Venerdì Santo: processione del Cristo Morto
  • Sabato Santo: la solenne Veglia Pasquale
  • Pasqua: Santa Messa e processione del Cristo Risorto

Questi sono gli appuntamenti fondamentali. Ogni località dell’isola del Giglio ha proprie tradizioni che caratterizzano il periodo pasquale.

 

2. Ritmi

L’isola del Giglio in inverno è un autentico paradiso. Fatto dei ritmi lenti del lavoro quotidiano e delle tradizioni, di passeggiate lungo sentieri immersi nella natura, di eventi tipici di questo periodo dell’anno.

Lo stesso vale per il periodo di Pasqua, quando le temperature cominciano a diventare miti e l’isola si presenta in tutta la sua bellezza. È un’idea per un viaggio rilassante, lontano dallo stress e dal quotidiano trantran.

 

3. Sapori

Durante la Pasqua, il sacro incontra il profano. Il sacro è rappresentato dalle liturgie religiose. Il profano è rappresentato dai piatti tradizionali dell’isola. Tre, in particolare: schiaccia, uova sode e frittelle. Per provare il vero sapore della Pasqua all’isola del Giglio.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/sarabrag

Articoli correlati