Viaggio nella storia dell’isola: una visita alla villa romana di Giannutri

la villa romana di Giannutri

L’isola del Giglio fu abitata già in epoca preistorica. Poi vennero gli Etruschi, che lasciarono diverse testimonianze. E dopo ancora fu la volta dei Romani, che già allora sapevano apprezzare le tante bellezze dell’isola. Come dimostra uno dei numerosi tesori archeologici del Giglio: la villa romana di Giannutri.

Giannutri era un possedimento della ricca famiglia dei Domizi Enobarbi. Furono loro a edificare questa villa che godeva di una vista semplicemente mozzafiato sul mare di fronte al Giglio. La struttura era molto grande: occupava circa cinque ettari e aveva una terrazza alla quale si poteva accedere direttamente dal mare.

Il resto del complesso comprendeva gli alloggi per la famiglia, i quartieri degli schiavi, le terme e altri ambienti annessi, adibiti a vario uso. Tre delle stanze dove alloggiavano i Domizi Enobarbi dovevano essere dotate di impianto di riscaldamento.

Inoltre gli scavi hanno riportato alla luce pavimenti decorati con marmi e mosaici in bianco e nero. Ancora oggi sono visibili alcune colonne dei saloni e il sistema di condutture e cisterne che distribuivano l’acqua piovana in tutta l’isola.

La villa romana di Giannutri si trova sulla costa occidentale dell’isola e si sviluppa verso l’interno. E si integra con due approdi, ovvero cala Maestra a occidente e cala Spalmatoio a oriente (due delle spiagge di Giannutri).

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/andrespozo

Articoli correlati