Vaccarecce-Scopeto: un sentiero che parte dal faro degli innamorati

sentieri isola del Giglio: Vaccarecce-Scopeto

Ci sono tanti modi per scoprire l’isola del Giglio. E uno dei più apprezzati dai visitatori, specialmente da quelli più sportivi, sono i numerosi sentieri che la attraversano. Come quello che va da Vaccarecce a Scopeto. Una piacevole passeggiata sulle alture dell’isola.

 

Comincia il sentiero

Il punto di partenza di questo sentiero è tra i più suggestivi che l’isola del Giglio possa offrire ai suoi visitatori: è in località Vaccarecce, da cui il nome dell’omonimo faro, oggi dismesso e non accessibile. Per chi non lo sapesse, il faro delle Vaccarecce è anche conosciuto come il faro degli innamorati: lo scrittore Federico Moccia si è ispirato a esso per il faro presente nel suo romanzo Scusa ma ti chiamo amore.

Il faro lo potete vedere in cima all’altura che si trova poco a nord di Giglio Castello. Il sentiero poi procede verso la località di Scopeto. L’intero percorso è lungo meno di un chilometro e si percorre in circa trenta minuti, in un senso e nell’altro. Anche il dislivello è minimo.

In conclusione, è un sentiero molto semplice. Se invece vi sentite particolarmente in forma, una volta arrivati a Scopeto potreste procedere verso punta del Fenaio (in questo caso però il percorso diventa molto più lungo e impegnativo).

 

Alcune raccomandazioni prima di partire:

  • Non sopravvalutate mai le vostre condizioni fisiche
  • Molti sentieri dell’isola del Giglio non sono adatti per la mountain bike
  • Verificate sempre che la vostra attrezzatura sia in perfetto stato
  • Portate con voi una scorta d’acqua adatta alla lunghezza del percorso.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/gioanola

Articoli correlati