La nascita dell’isola del Giglio: la leggenda del masso di granito

leggende dell’isola del Giglio: il masso di granito

Questa leggenda comincia con un grande masso di granito sprofondato nel mare. Aveva una gran voglia di vedere la luce del sole perché gliene avevano parlato le sirene.

Il loro racconto era appassionante. Il masso di granito cominciò a pensare che il mondo emerso doveva essere meraviglioso, fantastico. Desiderava vedere la luce del sole con tutte le sue forze. Il suo desiderio era talmente forte che il masso si liquefece. E divenne così leggerissimo.

Cominciò a salire sempre più in alto. Finché non conobbe la luce del sole, che gli fece chiudere gli occhi. Finché non conobbe la brezza del mare, che lo fece rabbrividire di piacere. Quando aprì gli occhi, rimase incantato dalla bellezza che gli si parava di fronte.

Tanto che fu assalito dal terrore di sprofondare nuovamente nel mare. Allungò una mano per aggrapparsi a quella terra bella e antica. Il masso si sentì subito parte di essa. Desiderò non lasciarla mai più.

Ma forze misteriose lo spingevano verso il profondo. Il masso provò a resistere. Il mare si vendicò: gli tagliò il braccio con cui si manteneva alla terra. Il masso restò così, isolato, a guardare quella terra meravigliosa di cui, per poco tempo, si era sentito parte.

La vendetta del mare non si esaurì qui. Face calare la bruma sul masso, la bruma che tutto cela e tutto nasconde. Nessuno avrebbe mai più saputo niente del masso se non fosse stato per il sole. Che, impietosito, dissolse la bruna. Da allora, il masso non ha mai più perso di vista la terraferma.

E infine la madre terra supplicò il vento di portare semi sul masso di granito. Il masso si ricoprì di un rigoglioso manto verde su cui proliferò qualunque forma di vita. Anche le sirene univano il loro canto a quello dei gabbiani che volavano vicino la costa.

Questa è una delle due leggende che raccontano la nascita dell’isola del Giglio. L’altra ha come protagonista la dea Venere.

 

Fonte immagine: “Aerial view of Isola del Giglio, 2006-06-04” di Sky Eckstrom – originally posted to Flickr as Some Island. Con licenza CC BY-SA 2.0 tramite Wikimedia Commons

Articoli correlati