Isola del Giglio a tappe #5: un’escursione in barca verso Giannutri

isola del Giglio a tappe: Giannutri

L’escursione verso punta di Capel Rosso è stata impegnativa ma affascinante. Tornati di nuovo a Giglio Campese, ci vuole una serata di riposo. Il giorno dopo, dal porto di Giglio Campese partono diverse escursioni in barca che vi porteranno verso l’isola di Giannutri.

  1. Cala dello Spalmatoio e cala Maestra sono gli unici approdi dell’isola. E sono anche le uniche due spiagge di sabbia di Giannutri. Sono di piccole dimensioni ma non per questo meno belle: il primo bagno, probabilmente, lo farete qui.
  2. Se siete approdati a cala Spalmatoio, questo è il posto dell’isola dove c’è la più alta concentrazione di case: una passeggiata per le sue stradine e la sua piccola piazza è un regalo per chi cerca solo pace e tranquillità, sempre in compagnia dei profumi del mare.
  3. Invece, nei pressi di cala Maestra ci sono le rovine di un’antica villa romana risalente al II secolo d.C. Apparteneva ai Domizi Enobarbi, una facoltosa famiglia di commercianti. La villa in cui abitavano doveva essere molto grande e molto sfarzosa.
  4. All’estremità meridionale dell’isola c’è un posto che dovete assolutamente vedere prima di riprendere il mare e tornare sull’isola del Giglio. Il faro di Giannutri sorge nei pressi di Punta Rossa, affacciato su una scogliera a picco sul mare. Uno spettacolo suggestivo come pochi.

 

Tappa precedente: punta di Capel Rosso | Tappa successiva: il faro delle Vaccarecce

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/nettaphoto

Articoli correlati