Com’è l’isola del Giglio ad agosto? Sei consigli, anzi sei esigenze

isola del Giglio ad agosto

Com’è l’isola del Giglio ad agosto? Limitarsi a dire “bella” è riduttivo, per quanto vero. Voi state pensando di andarci ma prima di prenotare il viaggio e l’albergo volete avere qualche informazione in più.

Qui abbiamo sei consigli per voi. Anzi, sono sei risposte ad altrettante possibili esigenze.

 

“Le spiagge sono la prima cosa”

È questo il motto di ogni vostra vacanza? Per voi non c’è viaggio senza sdraiarvi comodamente su litorali di sabbia? L’isola del Giglio ha quello che fa al caso vostro: le spiagge più belle sono Arenella, Campese, Cannelle e Caldane. Sono tutte facilmente raggiungibili e dotate di diversi servizi. Ad agosto però sono abbastanza affollate, meglio essere preparati.

 

“Non voglio trovarmi in luoghi affollati”

Come già detto, l’isola del Giglio ad agosto è meta di migliaia di turisti attratti dalla sua bellezza e dalle spiagge più “comode”. È possibile fare qualcosa per voi che cercate solo un po’ di sana tranquillità. Conoscete le calette dell’isola del Giglio? Sono tante, si aprono lungo tutta la costa frastagliata dell’isola e avrete la sensazione che stiano aspettando soltanto voi. Unico neo: in molti casi, per arrivarci ci sono dei sentieri sterrati da percorrere. Non dimenticate le scarpe da trekking.

 

“E per i miei bambini?”

Giglio è un’isola a misura di bambino. È molto tranquilla, i bambini potranno girare e giocare senza che dobbiate preoccuparvi per loro. Le spiagge sono di sabbia e facilmente raggiungibili, il fondale è abbastanza basso, sono presenti diversi servizi. E nelle tre località dell’isola troverete tutto ciò di cui i vostri bambini potrebbero aver bisogno.

 

“Senza sport non so stare”

Siete degli irriducibili. La prima cosa che mettete in valigia è tutta l’attrezzatura necessaria per praticare il vostro sport preferito. Che siano immersioni o escursioni, snorkeling o semplici passeggiate, non vi resta che scegliere e partire. Anche in questo caso, non sarete soli nelle secche e lungo i vari sentieri. I periodi migliori per immergersi o camminare sono di mattina presto e nel tardo pomeriggio, quando il sole di agosto non scotta.

 

“Ogni luogo ha le sue specialità. E io le voglio assaggiare”

Siete degli autentici intenditori. Sapete che una vacanza non può dirsi completa senza aver assaggiato le tante specialità culinarie tipiche della destinazione che state visitando. I piatti tipici dell’isola del Giglio saranno all’altezza delle vostra aspettative. Li potete assaggiare nei numerosi ristorantini che si trovano nelle tre località dell’isola. Meglio prenotare con qualche giorno di anticipo.

 

“Preferirei lasciare l’auto a casa”

Sull’isola del Giglio ad agosto potete fare anche questo. Per muovervi sull’isola potete ricorrere al servizio di autobus che, specialmente in estate, collega le spiagge e i centri abitati. L’auto e lo stress lasciateli in garage.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/gioanola

Articoli correlati