Il giro in kayak dell’isola del Giglio: le cose da sapere

isola del Giglio kayak

Immersioni, escursioni, snorkeling: l’isola del Giglio è il posto ideale per tutti gli appassionati di sport. Soprattutto per quelle attività sportive che si svolgono (anche) in mare. Come il kayak. E questo è proprio il vostro caso.

Infatti siete intenzionati a fare il giro dell’isola del Giglio in kayak. Prima di partire ci sono alcune cose che dovete sapere.

 

Durata e lunghezza

Il periplo dell’isola del Giglio è lungo circa 25-28 chilometri. I più esperti e allenati possono compiere l’intero tragitto anche in una sola giornata. Se invece siete alle prime armi, potete dividere il giro in due o più giornate.

 

Le tappe del giro dell’isola del Giglio in kayak:

  • Giglio Porto (punto di partenza del giro): si procede verso sud, lungo la costa.
  • Cala delle Caldane, a circa 2,5 chilometri da Giglio Porto: è una delle spiagge più belle dell’isola del Giglio, prima sosta del giro.
  • Punta di Capel Rosso è la punta più meridionale dell’isola, da questo momento vi sposterete verso nord, sempre lungo la costa.
  • Punta del Faraglione è subito riconoscibile per il faraglione: siete arrivati a Giglio Campese, seconda sosta del giro. Qui, volendo, potete trascorrere la notte in uno dei numerosi alberghi e riprendere il giorno dopo.
  • Punta del Fenaio, all’estremo nord dell’isola, è riconoscibile per la presenza de faro. Ultima sosta del giro in una delle numerose calette. Da qui proseguirete di nuovo verso sud.
  • Da punta del Fenaio si ritorna a Giglio Porto, punto di partenza del Giro.

 

Alcune raccomandazioni da seguire:

  • essere prudenti
  • essere in buona forma fisica
  • verificare che tutta l’attrezzatura sia in ottime condizioni
  • in caso di necessità, chiedere aiuto e consiglio ai kayaker di maggiore esperienza.

 

Queste sono le informazioni che vi servono per fare il giro dell’isola del Giglio in kayak. Ora non vi resta che una cosa da fare: preparare tutta l’attrezzatura e prenotare un posto su uno dei traghetti per l’isola del Giglio.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/whltravel

Articoli correlati